Il periodo quaresimale, si sa è quello di penitenza e di digiuno, di preghiera e di carità, è quel periodo che comincia come indica il nome stesso, 40 giorni prima della Pasqua e si conclude con la Settimana Santa e i vari riti che lo contraddistinguono. Cominciando con la domenica delle Palme, segue poi il giovedì Santo con la lavanda dei piedi e i Sepolcri, il venerdì si comincia il digiuno ricordando la morte di Gesù e infine la resurrezione domenica, il giorno di Pasqua.
Come conclusione di questa Settimana Santa vi è il lunedì dell’Angelo o Pasquetta.

Diversamente da molte altre regioni d’ Italia, dove si approfitta del ponte pasquale per spostarsi e visitare altre regioni o altri stati, in Puglia la Pasqua è vissuta diversamente.
La maggior parte delle famiglie trascorre il giorno di Pasqua riunita, mangiando il tradizionale agnello con le patate, al forno.
Per quanto riguarda la Pasquetta invece è il giorno delle gite fuori porta, delle escursioni, delle grandi tavolate in riva al mare o in campagna. E’ il momento in cui giovani e adulti si riuniscono per trascorrere una giornata di divertimento e di allegria in compagnia di amici o parenti.

Ma cosa fa nello specifico, un pugliese il giorno di Pasquetta?
Ecco qui una piccola guida di alcuni dei posti da visitare e delle escursioni più gettonate tra i pugliesi.

La Selva di Fasano: è una frazione del comune di Fasano, che si eleva a circa 420 metri dall’altezza del mare.
La sua particolarità sta proprio nel panorama mozzafiato che offre ai turisti percorrendo i viali alberati, da dove è possibile vedere addirittura i trulli e i caratteristici paesini sottostanti, senza dimenticare la vista mare che la caratterizza.
Sulla Selva vi è anche uno dei più grandi zoo d’ Europa: lo zoo Safari Fasanolandia. Dove oltre a poter osservare i numerosi animali che ospita, è possibile divertirsi nel parco divertimenti all’interno dell zoo, ricco di giostre e attrazioni per grandi e piccini.

Savelletri: anche Savelletri è una frazione del comune di Fasano, ma contrariamente alla Selva si trova in pianura esattamente sulla costa, con sabbia e scogliere.
Questa è una meta molto ambita per la Pasquetta, dagli amanti dei ricci. Infatti nel porticciolo è possibile acquistarli direttamente dai pescatori e la tipicità è mangiarli in riva al mare con la focaccia barese o il pane di Altamura. Chiaramente è importante arrivare presto perché vanno a “ruba” .

Il mare: sempre restando sulla costa, sono tantissime le località dove è possibile fermarsi, montare gazebo, tavoli e sedie e pranzare in riva al mare. In molti si organizzano con barbecue, teglie di riso, patate e cozze, paste al forno, orecchiette o qualsiasi altra pietanza e trascorrono la giornata respirando la salubre aria del mare.
Tra le più note posso citare le calette di Monopoli, Taranto, Torre dell’orso e le numerose spiagge che offre il Salento.

Il Gargano: si trova nella provincia di Foggia. Qui vi sono varie aree protette tra cui la Foresta Umbra, che è possibile visitare in bici o a piedi, dove gli enti turistici locali si sono organizzati creando tours enogastronimici, religiosi, storici e naturalistici. La Riserva Marina delle Isole Tremiti, che vanta degli sbalorditivi fondali marini e le grotte naturali.
E infine le caratteristiche località come San Giovanni Rotondo, Vieste, Peschici, Lesina e Manfredonia.

Sono davvero tante e località che la Puglia offre per trascorrere una giornata fuori casa, con spensieratezza e in allegria, visitando siti storici o semplicemente vivendo la convivialità intorno ad un tavolo in riva al mare o all’ombra di ulivi secolari nelle campagne pugliesi, unico dilemma…il maltempo!! Infondo si sa che la Pasquetta è famosa per essere piovosa e talvolta fredda …. quindi ombrello nello zaino e buona Pasquetta !!