Pensando alla Puglia è facile immaginare spiagge bianche, acque cristalline, lunghe passeggiate sul lungo mare, escursioni in mare aperto e visite nei caratteristici centri storici di cui ogni paesino e città della Puglia possono vantare.
É invece sorprendente come anche in inverno, la Puglia, riesca a regalare ai suoi visitatori, panorami, passeggiate, escursioni e visite che non hanno nulla da invidiare all’alta stagione.

Infondo se il numero di turisti, nella stagione invernale è notevolmente aumentato, questo lo dobbiamo anche al clima mite che caratterizza la Puglia, con inverni poco piovosi e non particolarmente freddi.
Vediamo, quindi, nello specifico quali sono le attività, le escursioni e gli eventi che offre la Puglia.

Potrei cominciare parlando dei notissimi trulli di Alberobello, patrimonio dell’Unesco, i quali nel mese di dicembre (in vista del Natale) si vestono di suggestive luci, così definite le “Christmas lights”; ma non solo le luci sono le protagoniste di questa magica atmosfera, infatti passeggiando per i borghi si può assistere a spettacoli di artisti di strada e concertini . Nei caratteristici negozietti è possibile degustare i tipici dolci pugliesi che le nonne preparano nel periodo di Natale, torroni, cartellate, pastatelle, torte di ricotta, amaretti e biscottini ricoperti di zucchero, una vera delizia per gli amanti della buona cucina.
Sempre soffermandoci sul tema Natalizio, sono tantissimi anche gli eventi organizzati dalle altre pro loco delle città pugliesi. Infatti sono sempre di più i centri storici che si trasformano in veri e propri “set teatrali”, dando vita a delle emozionanti rappresentazioni della natività: “Il Presepe Vivente”: gente comune si traveste ricoprendo ruoli dei più svariati mestieri di un tempo e anche qui assaggiare le pettole e il buon vino che le donne preparano e offrono ai visitatori.

Ma la Puglia non è solo festa e cibo, è anche ricca di storia e cultura. Testimoni di questo sono, i numerosi castelli che essa offre, tra i più famosi, posso sicuramente citare Castel del Monte ad Andria. Una fortezza del XII sec. la cui costruzione è stata ordinata dall’imperatore sel Sacro Romano impero, Federico II. Caratteristica principale di questo castello medievale, è la sua insolita forma ottagonale che è stata studiata proprio per creare particolari equilibri di luce nei giorni di solstizio ed equinozio.
Oltre a Castel del Monte, i castelli da visitare in Puglia sono davvero numerosi: il castello Svevo di Bari, di Barletta, il Castello Aragonese di Taranto, di Conversano e qullo di Carlo V a Monopoli. Ognuno di essi ricco di storia e mistero che affascinano i turisti.
Anche le Cattedrali hanno un ruolo importante nella storia Pugliese, la Basilica di San Nicola, patrono della città di Bari, le caratteristiche Cattedrali di Trani e Barletta, il Duomo di Bitonto e la coloratissima Cattedrale di Monopoli. Tutte conservano una storia e una bellezza architettonica che sorprendono i turisti, a prescindere dalla loro fede religiosa.

Tralasciando storia e cultura, non posso non parlare delle bontà enogastronomiche del territorio pugliese,tra i più conosciuti vini troviamo il Nero di Troia, il Primitivo di gioia del Colle e di Manduria, il Negroamaro e il Salice Salentino, molte di queste cantine offrono un tour con degustazione di prodotti tipici:olio, friselle, pomodorini, formaggi e ortaggi, tutti prodotti localmente.

Importante è non dimenticare che aldilà delle escursioni, delle visite ai castelli, alle cattedrali e dei tour enogastronomici la Puglia è così bella anche solo da ammirare passeggiando nelle stradine di Polignano a Mare, perdersi nei suoi borghi e sentirsi ispirati leggendo poesie,sparse, scritte sugli scalini e sui muri del centro storico, accostarsi alla balconata e perdersi nell’immensità del mare, panorama mozzafiato sia di giorno che di sera, e per le vie sentire gli odori delle pietanze che fuoriescono dalle case, dai balconi e dai ristorantini. Monopoli, invece, caratterizzata dal candore dei bianchi muri di tufo, ti permetterà di visitare un romanticissimo ed accogliente centro storico che si affaccia sul mare, circondato da alte mura. Le abitazioni sfoggiano dei coloratissimi balconi ricchi di fiori e piante, incredibilmente rigorosi anche in inverno. Infine….Ostuni…”la città bianca”! Impossibile non lasciarsi affascinare dai vicoletti del suo centro storico, ricco di architettura e di storia, camminare fino a giungere alle imponenti mura difensive.
Ostuni è il risultato di una mistura di diversi periodi storici.Il primo nucleo cittadino, lo dobbiamo infatti, ai Messapi, furono loro a collocare la città in cima ad un colle, punto strategico in caso di eventuali assedi. Successivamente la città fu conquistata dai Romani, e prova della loro presenza nel territorio sono le numerose masserie, con stile tipicamente romano. Dopo la caduta dell ‘ impero Romano i Bizantini presero il sopravvento sulla città , ma furono infine i Normanni a governare, i quali oltre a stabilire i confini precisi della città , potenziarono la coltivazione degli ulivi, elemento caratterizzante della campagna pugliese.

E’ bellissimo passeggiare nelle campagne, quando il sole nelle belle giornate invernali, regala quel senso di tepore, quando ci si avventura nelle stradine rurali e improvvisamente, trovare un trullo, ammirare gli ulivi secolari che producono il cosiddetto “oro verde”, di cui i pugliesi stessi, sono tanto fieri, respirare quell’aria pura che solo la campagna può dare…quel senso di calma, di quiete che distacca dalla frenesia della vita quotidiana.
“….La Puglia nel suo empireo di sole, nelle sue pieghe carsiche, nella sua ordinata resistenza di innumerevoli plotoni affiancati di ulivi, e il cielo sempre azzurro che lambisce il mare senza staccarsene…”
(Cesare Brandi)